Ultime Notizie

Consigliati da Pula.it

 

INTERNATIONAL NORAJAZZ Festival 2016

INTERNATIONAL NORAJAZZ Festival 2016

Copyright ©

 

Pula, Teatro Romano di Nora 20 luglio e 3 agosto

Pula, Centro Storico 6-7 agosto

 

 

20 luglio

 Teatro Romano di Nora

Carla Bley “Trios”

Carla Bley: pianoforte, Andy Sheppard: tenore e soprano, Steve Swallow: basso.

Appassionata, colta, delicata: il 20 luglio Nora Jazz riparte con Carla Bley, l'instancabile signora del jazz impegnata in un tour mondiale che tocca solo quattro date italiane: Pula, Bologna, Napoli, Stresa. La geniale compositrice e pianista statunitense, che inaugura il tour italiano scegliendo il festival ambientato nella suggestiva location del Teatro Romano di Nora, ha appena compiuto 80 anni ed è stata festeggiata dalla critica mondiale per il nuovo disco intitolato “Andando El Tiempo” e pubblicato dalla Ecm. Compagni di avventura, gli amici-artisti di sempre: il sassofonista britannico Andy Sheppard (più volte vincitore del British Jazz Award) e Steve Swallow, bassista, contrabbassista e compositore statunitense. Insieme saliranno sul palco del Nora Jazz Festival con “Trios”, titolo del live scelto dal gruppo per la tappa sarda. "Abbiamo suonato in trio per venti anni e abbiamo un enorme repertorio da raccontare- racconta infatti la Bley. Aveva solo 17 anni e si chiamava ancora Carla Borg quando cominciò a lavorare al leggendario Birdland club di New York come 'cigarette girl' incontrando i più famosi musicisti jazz di tutti i tempi. Oggi, dopo aver scritto, suonato e diretto, in un mondo dominato prevalentemente da uomini, ogni tipo di formazione (dai duetti alle big band), Carla Bley si concede finalmente il piacere di concentrarsi sulla musica che ama e vuole suonare. Regalando al suo pubblico splendide note di magia.

 

3 agosto

Teatro Romano di Nora

“Uomini in Frac” - Omaggio a Domenico Modugno

progetto di PEPPE SERVILLO E FURIO DI CASTRI

direzione musicale Furio di Castri

Peppe Servillo voce, Javier Girotto sax, Fabrizio Bosso tromba,
Furio Di Castri contrabbasso,

Rita Marcotulli pianoforte, Mattia Barbieri batteria.

Secondo appuntamento di Nora Jazz all'insegna degli interpreti della grande canzone italiana: il 3 agosto, sotto le luci dell'antico Teatro Romano di Nora a Pula (CA), va in scena “Uomini in frac” un omaggio a Domenico Modugno firmato Peppe Servillo e Furio di Castri, accompagnati da un'ensamble di eccezionali musicisti come Javier Girotto al sax, Fabrizio Bosso alla tromba, Rita Marcotulli al pianoforte e Mattia Barbieri alla batteria. Modugno è un monumento della canzone italiana e il motivo “Volare”, cantato a squarciagola e a braccia aperte da un'artista davvero indimenticato, proiettò l’Italia dentro il boom economico e dentro la modernità, rivoluzionando per sempre il panorama della musica leggera italiana. E se Servillo con la sua teatralità intima e profonda è un perfetto uomo in frac, Di Castro con le armonie del suo contrabbasso invita a seguire le piste inesplorate del continente Modugno, i suoi colori esotici, gli echi delle bande, gli accenti folk. Una serata di grande spettacolo, animata dalla tromba raffinata e potente di Fabrizio Bosso, dalle ance di Girotto, dal pianoforte di Rita Marcotulli e dalla ritmica ricca e up-to-date di Barbieri. 

 

 

6 agosto

Pula, Piazza Chiesa ore 20:30

 Singin’ Swingin’

Swing in pure stile Crooner\ sestetto 

Dall'incanto di Nora, all'allegria festosa del bagno di folla del cuore di Pula: sabato 6 agosto, il festival lascia l'incanto dell'anfiteatro e si tuffa in Piazza del Popolo, aprendo la serata (ore 20.30) con la musica anni '50 di “Singin’ Swingin”, concerto swing in pure stile Crooner con il sestetto interpretato da Riccardo Melis. Un gruppo che torna sotto i riflettori in una formazione completamente rinnovata, riproponendo alcuni tra i brani più popolari di questa musica straordinaria, allegra e malinconica al tempo stesso, e che gode della voce di un artista con oltre venti anni di esperienza nel mondo dello spettacolo. 


Pula, Piazza del Popolo ore 22.30

Paolo Nonnis Big Band plays Frank Sinatra

Feat. Marco Cocco

Repertorio swing big band di 16 elementi

E sempre a Pula, il 4 agosto, la serata riprende con il crooner Marco Cocco e la brillante Paolo Nonnis Big Band (piazza del Popolo, ore 22.30): uno show all'insegna dei grandi classici in omaggio alla voce di Frank Sinatra. La Paolo Nonnis Big Band è composta da 15 elementi, tra i migliori musicisti della scena sarda, ed è capitanata dal batterista Nonnis. Già ospite dell'European Jazz Expo 2015 di Riola Sardo con un'avvincente antologia di brani, la Big Band possiede arrangiamenti dal grande impatto sonoro spesso “rocamboleschi”. In scena, Paolo Nonnis: batteria e direzione; Mauro Mulas: piano; Alessandro Atzori: basso; trombe: Dario Zara, Francesco Bachis, Maurizio Piasotti, Matteo Sedda; tromboni: Guido Murgia, Mauro Piras, Fabrizio Pittau; sax: Francesco Sangiovanni, Dario Pirodda, Andrea Morelli, Marco Argiolas, Nicola Piras. 

 

 

7 agosto

Pula, Piazza Chiesa ore 20:30

The Italian Mood Project

Lo swing Italiano degli anni 50 e 60

Sestetto

Venerdì 5 agosto, ultimo giorno del festival, nella bellissima Piazza Chiesa situata nel centro di Pula (ore 20.30) si continua con la grande musica swing degli anni '50 e '60 e le rivisitazione del sestetto The Italian Mood Project. Il gruppo propone un'accurata e brillante selezione di grandi successi con i più celebri brani di famosi artisti italiani: da Domenico Modugno a Fred Buscaglione, passando per Piovani, Rota, Caruso e Carosone. Sul palcoscenico il sestetto formato da David Costantino: voce; Ignazio Puddu: chitarra; Daniele Carboni: chitarra; Mattia Cuccu: fisarmonica; Andrea Lai: contrabasso; Alessandro Marras: percussioni e batteria.


Pula, Piazza del Popolo ore 22:30

Crazy Ramblers

Hot Jazz anni 20\30 orchestra in puro stile ventennio

Chiude il festival, la notte del 5 agosto, l'appuntamento in Piazza del Popolo (ore 22.30) con i Crazy Ramblers, ovvero l'hot jazz anni '20-'30 in puro stile ventennio. Nati in seguito ad un’attenta ricerca stilistica del sassofonista Maurizio Floris, che ha concentrato la sua attenzione alla riscoperta delle registrazioni dei grandi jazzisti del periodo, i Crazy Ramblers s'ispirano ai California Ramblers, a Fletcher Henderson e Duke Ellington, rievocando il repertorio e le atmosfere delle grandi sale da ballo dell’epoca. A far danzare la platea, una nutrita compagine tra cui Maurizio Floris: sax /baritone sax; Mauro Diana: alto sax/clarinet; Claudia Pusceddu: melody sax/alto sax; Elisa Tinti: tenor sax; Francesco Bachis: Trumpet; Gianluca Pitzalis: Trombone; Federico Fenu: Trombone/sousaphone/vocal; Maurizio Marzo: Banjo; Alessandro Cau: Drums. 

 

 
Fonte:  http://www.assoentilocali.it/nora-jazz-2015/188-international-nora-jazz-festival-2016
Data:  15 giugno 2016